app translate google      

tagline

logo kulturando10 lungo cop       

Indice articoli

Domenico Montagnana - Italiano (2)

0:00
0:00
controls_prev
controls_toggle
controls_next
player_volume

player_loop
player_shuffle
player_download


montagnana2Quest’ultimo particolare rende verosimile una permanenza del Maestro a Cremona, come confermerebbe qualche strumento menzionato nei repertori di liuteria, in particolare una chitarra del 1712 costruita nella città lombarda (citazione Vannes), senza tuttavia che essa sia mai stata esibita o ricordata in tempi recenti. L’apprendistato del Maestro presso Sellas, la cui dinastia era specializzata nella costruzione dei liuti, rende infatti possibile che la prima fase della sua produzione sia stata rivolta alla costruzione di strumenti a pizzico, e che quelli ad arco siano venuti solo dopo l’eventuale visita di studio a Cremona, forse alla fine del suo periodo di istruzione a Venezia. In ogni caso non si conoscono suoi strumenti ad arco risalenti con certezza a prima del 1720. L’eventuale permanenza cremonese potrebbe avere altresì qualche relazione con l’arrivo a Venezia nel 1717 di Pietro Guarneri, fratello primogenito del più famoso Giuseppe Guarneri «del Gesù», che vi si trasferì da Cremona divulgando le tecniche costruttive proprie della città natale, pur senza mai aprire bottega in proprio, ma lavorando per Matteo Sellas, ancora strettamente legato al Maestro e insediato come lui nella calle degli Stagneri.

L’11 marzo 1717 il M. sposò Cattarina Berti, figlia del defunto Stefano Berti, anche lei residente nella parrocchia di S. Bartolomeo, andando ad abitare nelle vicinanze, poco distante dalla chiesa e dalla bottega. La prima figlia, Andriana Lodovica, nacque nel 1719, l’anno seguente venne alla luce Virginia Antonia, seconda delle sei figlie femmine avute dalla coppia (l’ultima nata nel 1728).

Nel periodo compreso tra i primi anni Trenta e il 1750, la fama e il successo del Maestro crebbero costantemente, tanto da consentirgli una vita piuttosto agiata e l’acquisto progressivo di svariate proprietà.

Informazioni turistiche Lendinara

IAT Ufficio del Turismo

logo iat

Sede: Via G. B. Conti, 30
Telefono e  Fax 0425 605667
E-mail: iat@comune.lendinara.ro.it
Orari di apertura al pubblico:

• Lunedì giorno di chiusura
• Martedì 9,30 - 13,00 e 15,00 - 18,00
• Mercoledì 9,30 - 13,00 e 15,00 - 18,00
• Giovedì 9,30 - 13,00 e 15,00 - 18,00
• Venerdì 9,30 - 13,00 e 15,00 - 18,00
• Sabato 9,00 - 13,00
• Domenica giorno di chiusura


ATTENZIONE: VARIAZIONE ORARI CAUSA EMERGENZA COVID-19
Verifica le ordinanze pubblicate nell'articolo: Avvisi e Comunicati rivolti alla cittadinanza in merito a Coronavirus


(Fonte: Comune di Lendinara)

Area Camper
Colonnine ricarica auto
Servizi cimiteriali

Attività di interesse turistico

PUNTI RISTORO

AREA DISPONIBILE


Scrivi per informazioni a cristina@kulturando oppure telefona sempre a lei al 388 782 9732

DOVE MANGIARE
DOVE DORMIRE
WELLNESS
SUPERMERCATI - ALIMENTARI
FARMACIE - PARAFARMACIE